Referendum per l’Autonomia : Zaia come Pirro ?

Postato il Aggiornato il

Conosciamo già l’atto di sottomissione  di Zaia e del Consiglio veneto alla Corte Cost. italiana che ha bocciato la legge 16/2014 sul referendum per l’Indipendenza del veneto. Neanche una parola, obbedisco, obbediamo. Ora cantare vittoria su quanto viene concesso di fare a Zaia sul Referendum per l’Autonomia è come celebrare la vittoria di Pirro. Cosa resta della Legge 15/2014 che indiceva un Referendum sull’Autonomia per consultare i Veneti su 5 quesiti, che presi  nel loro complesso, sarebbero stati un passo in avanti rispetto alla situazione attuale ?

I punti qualificanti erano:

– vuoi che l’80% dei tributi versati all’amministrazione centrale e a quella veneta venga utilizzato  sul territorio?

– vuoi che il gettito derivante dalle fonti di finanziamento regionale non sia soggetto a vincoli di mandato?

– vuoi che la Regione Veneto diventi a Statuto Speciale?

Tutti cancellati. Ecco cosa resta come quesito:

“ Vuoi che alla Regione Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”

Ovviamente  si decide a Roma cosa concedere. Come dire ad un nano che potrà crescere di un centimetro. Non è che diventi un gigante, resterà sempre un nano. Su un quesito del genere, generico e privo di contenuti reali, è come se il Generale Zaia portasse i suoi soldati ad una battaglia dove non ci sono neanche gli avversari da sconfiggere. Stanno tutti dalla stessa parte. Infatti tutti i partiti italiani presenti nel Veneto si sono già dichiarati favorevoli. Basta dire che ad un quesito del genere vota SI  anche la Donazzan, super nazionalista italiana. Vuol proprio dire che si vota sul nulla.

A questo punto vale la pena di spendere 14 milioni di Euro per un referendum dove tutti i rappresentanti presenti nel Consiglio reg. Veneto hanno già detto si? Il Referendum acquista valore di mandato a trattare con il potere centrale solo se Zaia chiarisse con gli elettori veneti quali sono i punti inderogabili per considerare attribuite al Veneto “ ulteriori forme e condizioni particolare di Autonomia” . Senza un documento, un contratto sottoscritto con i Veneti, che dica chiaramente su cosa il Pres. Zaia si impegna ad ottenere in modo inderogabile  con il  SI  al Referendum il voto non ha senso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...