Mission

VENETO INDIPENDENTE. DA CHE COSA?
DAL PARLAMENTO ITALIANO.

I Veneti sono chiamati periodicamente ad eleggere tre assemblee legislative che esercitano il potere di imporre loro, sia pure in forme e con poteri diversificati, leggi, regole e imposte.

Sono : il Consiglio Veneto, il Parlamento Italiano e il Parlamento Europeo.
Noi di Veneto Indipendente riteniamo che il Veneto possa essere governato in modo nettamente migliore mediante due assemblee, il Parlamento Veneto e il Parlamento Europeo.
Con la conseguente eliminazione del potere del Parlamento Italiano di imporre leggi e imposte alla Popolazione Veneta.

La proposta politica di Governare il Veneto con due Parlamenti, Veneto ed Europeo, è un diritto che decine e decine di popoli, paragonabili al popolo veneto, applicano già.

SIAMO VENETI SIAMO EUROPEI

L’italianità è una parentesi storica che Veneto Indipendente vuole superare.
E’ questo il significato del Simbolo di Veneto Indipendente, caratterizzato dal simbolo storico dei Veneti, il Leone di San Marco e le stelle della Bandiera Europea.

L’AUTOGOVERNO DEL POPOLO VENETO SI ATTUA IN FORME RISPONDENTI ALLE CARATTERISTICHE E TRADIZIONI DELLA SUA STORIA.

Questo articolo dello Statuto del Veneto, scritto all’insediamento del primo Consiglio Veneto del 1970, e divenuto legge  n° 340 del 1971, è una sintesi fortemente rappresentativa dei progetti che partiti e movimenti veneti hanno cercato di realizzare in tutti questi anni.

Se ci chiediamo dopo 30 anni di  “Venetismo” e di “Leghismo”, quale sia oggi il percorso possibile e indispensabile, per ottenere un reale Autogoverno del Popolo Veneto, la risposta è :INDIPENDENZA DEL VENETO.

Quando si sale una scala si inizia dai primi gradini, per poi arrivare alla sommità.
Negli anni ottanta non si parlava di indipendenza, ma la richiesta era l’Autonomia Regionale, sul modello delle regioni confinanti a Statuto Speciale Friuli V.G. e Trentino-Sudtirolo.

Poi la riunificazione dei Movimenti autonomisti dell’alta italia, realizzata da Bossi con la Lega Nord agli inizi degli anni 90, a parte qualche sprazzo “secessionista”, ha riempito un ventennio di : A Roma per il Federalismo”

Il risultato è sotto gli occhi di tutti, con il Veneto strettamente legato al fallimento della politica italiana e in una situazione economica e sociale di tale precarietà
inaspettata e inpensabile solo pochi anni fa.
Ritenere ancora  che attraverso  il Parlamento Italiano si possa ottenere la gestione delle nostre risorse finanziarie, depredate costantemente di cieca 20 Miliardi di Euro all’anno, è coltivare una illusione smentita categoricamente da trent’anni di storia della politica italiana.

Oggi il percorso, già seguito da tanti popoli europei per ottenere un proprio stato indipendente, quali Lituani, Estoni, Slovacchi, Ceki,  Sloveni ecc. e in via di realizzazione in Scozia e in Catalunya nel 2014, è il Referendum per l’Indipendenza.

Impegnarsi per l’Indipendenza del Veneto, al di la delle proprie simpatie per la destra o la sinistra,è l’unico percorso politico  che può restituire ai Veneti la possibilità  di dare risposte concrete ed efficaci ai gravi problemi che vive il Veneto di oggi, e che tali resteranno  finchè il Veneto apparterrà a questo fallimentare  Stato italiano.

Annunci